(+39) 0445.66.22.00 — info@pfm.it

Hurricane

Hurricane

Hurricane

Confezionatrice orizzontale flow pack che realizza confezioni chiuse a tre saldature ermetiche partendo da materiale d’incarto flessibile termo-saldante.

 

Prodotti confezionabili

Prodotti del settore alimentare, del settore cosmetico, farmaceutico, grafico e non food in genere.

CARATTERISTICHE TECNICHE:

  • Confezioni robuste, attraenti, perfette: lo speciale concetto costruttivo del tunnel formatore e del gruppo ruote consentono la produzione di confezioni perfettamente curate e prive di grinze.
  • Flessibilità e velocità nel cambio formato: Hurricane confeziona una grande varietà di prodotti solidi di forma regolare per il settore alimentare, cartotecnico, chimico, farmaceutico e cosmetico. Il cambio formato avviene velocemente, senza l’uso di utensili e senza la sostituzione di alcuna parte meccanica. Velocità di saldatura e lunghezza delle confezioni possono essere variati in pochi minuti.
  • Materiali d’incarto termosaldanti: Hurricane utilizza materiali d’incarto laminati o accoppiati come propilene, polietilene, film termoretraibile e materiali microforati.
  • Velocità e flessibilità operativa: la sua velocità di confezionamento raggiunge un massimo di 100 cicli meccanici al minuto (150 conf/min versione speciale), lunghezza prodotto min 15 mm, max 350 mm, larghezza min 5 mm, max 320 mm, altezza max 140 mm. Tempo medio di cambio formato è di circa 3 minuti.
  • Sistemi di caricamento automatici: caricamento in linea, a 90º, per gravità, ed altri possibili, da studiare in funzione di esigenze specifiche.

MODELLI DISPONIBILI:

  1. Versione Meccanica Extra Wide: bobina da 750 mm, gruppo di saldatura da 350 mm.
  2. Versione Elettronica (2 assi): bobina da 500 mm, gruppo di saldatura da 250 mm.
  3. Versione Elettronica Extra Wide.
  4. Versione Shrink: per materiali d’incarto termoretraibili con sistema di saldatura trasversale e longitudinale a filo, con recupero dell’eccesso di materiale.
  5. Versione Poly.

Iscriviti Ora per accedere all’area tech